tavolo-consolle-allungabile

Tavolo consolle allungabile, misure e marchi

Abitare in una casa moderna spesso vuol dire dover far fronte a particolari problematiche quali gli spazi ridotti. Chi, ad esempio, si trova costretto a “comprimere” il proprio spazio abitabile in un monolocale sa quanto la funzionalità dei complementi di arredo sia importante. Le innovazioni provenienti dal design vengono in soccorso proprio a chi ha queste particolari esigenze. In qualsiasi casa uno dei complementi  fondamentali (nonché quello tra i più ingombranti) è sicuramente il tavolo da pranzo. A tal proposito, il tavolo consolle allungabile può trasformarsi in una perfetta soluzione salvaspazio. Esso è pensato per rispondere a qualsiasi tipo di necessità derivata dagli spazi ristretti.

Queste consolle hanno infatti dimensioni molto ridotte e sono pensate per essere posizionate appoggiandole al muro, proprio come suggerisce il loro tipico utilizzo. L’innovazione consiste nel renderle (all’occorrenza) estendibili, consentendo di ospitare più persone, oppure, da chiuse, fungere da scrivania o piano da lavoro a seconda delle proprie esigenze. La funzionalità e la versatilità sono i principali punti di forza di questo particolare complemento d’arredo. Proprio in virtù di queste caratteristiche, la consolle estendibile è diventata uno degli elementi d’arredo più in voga del momento. Essa infatti si adatta perfettamente agli spazi che hanno bisogno di reinventarsi, senza per questo dover rinunciare alla funzionalità o all’estetica.

Scegliere il tavolo consolle allungabile più adatto alle proprie esigenze

Per essere sicuri di aver fatto l’acquisto giusto, è importante anche saper scegliere la soluzione più adatta alle proprie necessità e ai propri gusti. Sarebbe inutile, ad esempio, acquistare una consolle esteticamente appagante, che però non risponda appieno alle proprie necessità in termini di funzionalità. Viceversa, è importante effettuare un acquisto che soddisfi anche le proprie inclinazioni in termini di gusti estetici.

Per effettuare una scelta che possieda i requisiti di cui si ha davvero bisogno, è consigliabile informarsi in merito a materiali, stili, dimensioni e al numero di supplementi in aggiunta alla consolle estendibile che si intende acquistare. Bisogna innanzitutto tener ben presente che i materiali con cui sono realizzate le console sono di importanza fondamentale. Un materiale economico potrebbe ad esempio compromettere la stabilità dell’arredo. Un’altra variabile di cui bisogna tener conto è che spesso le prolunghe vanno conservate a parte e montate solo quando ve ne sia la necessità. Questo potrebbe parzialmente compensare in negativo il risparmio di spazio derivato dalla consolle stessa. Se quindi non si ha la possibilità di conservare a parte le estensioni del tavolo, sarebbe opportuno optare per delle prolunghe incorporate.

Marchi specializzati nella produzione di tavoli consolle estendibili

Grazie alla vasta gamma di consolle estendibili presenti sul mercato è tuttavia possibile soddisfare qualsiasi tipo di esigenza funzionale ed estetica. Prendendo in esame alcune proposte delle migliori aziende produttrici, osserviamo contemporaneamente le caratteristiche strutturali che possono contraddistinguere questi innovativi complementi d’arredo.

Tavolo consolle Bontempi

La soluzione proposta dall’azienda Bontempi si chiama Etico. Si tratta di una consolle dallo stile inconfondibile, caratterizzata da forme che coniugano insieme linearità ed eleganza. Le dimensioni della consolle (chiusa) sono di 48×130 cm, estendibili fino ad una lunghezza complessiva d 179 cm, grazie alle 3 allunghe in laminato. La struttura è in acciaio ed è disponibile in diversi colori. Data l’essenzialità delle forme e l’equilibrio delle proporzioni essa si adatta perfettamente sia ad ambienti quali la cucina, sia al il soggiorno oppure ad uno studio.

Tavolo consolle Tonin Casa

Tonin Casa propone una consolle allungabile con struttura in legno melaminico, (un legno truciolare rivestito con carta melamminica, che è un materiale sintetico costituito da fogli di carta sottilissima impregnata di  resina melamminica, da cui il materiale prende il nome) disponibile in due varianti: bianco o grigio, entrambi realizzati con finiture effetto frassino a rilievo. Le dimensioni variano a seconda del numero di allunghe necessarie. Possono arrivare a 297 cm inserendo fino ad un massimo di 5 allunghe. Le linee sono dinamiche e moderne e consentono a questo complemento di adattarsi facilmente a tutte le tipologie di arredo.

Tavolo consolle Riflessi

Il prestigioso Riflessi è stato uno dei primi marchi ad occuparsi della vendita di tavoli consolle allungabili. Una delle proposte di questa azienda è la consolle Corner, che è fra i modelli più eleganti di questo brand specializzato nello stile minimal. Realizzata in vetro extrachiaro antigraffio e metallo, la consolle è disponibile nella versione da 90 e da 120 cm e una volta aperta può allungarsi fino ad una totale di 2 metri.

Tavolo consolle Calligaris

Con la consolle Sigma, Calligaris opta per i materiali naturali: la struttura  dell’arredo è realizzata in legno (disponibile anche laccato) ed è dotata di 5 allunghi ad incastro. A differenza della proposta precedente, questa consolle è estendibile fino a 3 metri e può assumere 6 diverse lunghezze. Tuttavia, in questo caso specifico, le allunghe devono essere riposte a parte in appositi contenitori forniti in dotazione.


Tavolo consolle Pezzani

L’azienda Pezzani introduce Archimede, una consolle apribile, in laminato eco-compatibile con cornice in alluminio. Da aperto, il tavolo raggiunge una lunghezza totale di 170 cm. Si tratta di una soluzione particolarmente innovativa:  la consolle è dotata infatti di una chiusura pieghevole in cui le due ante del tavolo compongono, da chiuse, le pareti esterne della consolle stessa. Al loro interno è posizionato ad incastro un set di 6 sedie. In questo modo la consolle permette un risparmio ancor più consistente in termini di spazio.

Tavolo consolle Ozzio

Il marchio Ozzio, specializzato in sedie, tavoli e consolle trasformabili propone invece Golia, una consolle dalle linee e dallo stile minimali, derivati dalla solidità del legno da cui è composto, è disponibile in diverse varianti. La consolle chiusa è dotata di sole due gambe tra le quali posizionare un numero totale di 5 allunghe mediante un meccanismo telescopico in alluminio per consentire il massimo space-saving: il mobile chiuso misura infatti appena 43 cm, che con l’aggiunta delle allunghe può arrivare ad un totale di 2 metri e 93 cm.

Altri marchi

Stones offre una selezione di console allungabili tra cui troviamo il modello Pinocchio, realizzata in MDF, (Medium-density fibreboard, traducibile come “pannello di fibra a media densità”) è un derivato del legno tra i più diffusi della famiglia dei pannelli in fibra di questo specifico materiale. Si allunga fino a 3 metri e 2cm, con un totale di 5 allunghe. 

Tomasucci opta invece per un modello dallo stile più lineare: New Net è realizzata anch’essa in MDF verniciato poliestere ed è dotato, da aperto, di un appoggio centrale per garantire la massima stabilità strutturale del prodotto.

LTL Italian Design propone una consolle dal design attuale che da estesa può accogliere un massimo di 8 persone. Anch’essa realizzata in MDF, raggiunge una lunghezza massima di 200 cm.

Un’altra variante di questa proposta è caratterizzata da una consolle con le stesse caratteristiche nella struttura e nei materiali, ma che offre la possibilità di estendere il proprio tavolo fino a 4 metri. È dotata infatti di ben 7 allunghe, la cui stabilità è garantita grazie al sostegno dei piedi supplementari.

In conclusione, è possibile affermare che un elemento quale il tavolo consolle allungabile sia certamente una delle innovazioni più interessanti relative al  particolare campo del design degli arredi. Mostra molto chiaramente il modo in cui le esigenze relative allo spazio living e la progettazione di elementi d’arredo siano strettamente correlate.

È interessante, inoltre, osservare come questa concezione innovativa riguardante il modo di arredare vada a favore di un’inclinazione sempre maggiore verso la reversibilità, la trasformazione e la convergenza di molteplici utilizzi in un unico suppellettile. Si tratta infatti di una tendenza completamente contrapposta al tradizionale e “statico” modo di intendere l’arredamento di interni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *