tavoli-in-legno

Tavoli in legno: come sceglierli

Il tavolo è da sempre uno dei protagonisti principali dell’arredo domestico. Come tale, richiede un’attenzione particolare nella sua scelta e al momento dell’acquisto. Saper preferire un tavolo che soddisfi tutte le proprie necessità sia in termini funzionali che di stile è importante per non incorrere in spiacevoli sorprese dopo l’acquisto.

Attualmente, esistono possibilità di scelta praticamente infinite sia per quanto riguarda i diversi modelli, sia per quanto riguarda i materiali con cui i tavoli vengono prodotti. Le case produttrici sono difatti alla costante ricerca di materiali e abbinamenti che possano soddisfare le  nuove esigenze che continuamente provengono dal  pubblico.

Durante gli ultimi anni, nel campo dell’arredamento si è affermata la tendenza che porta, ciclicamente,  alla riscoperta dei materiali naturali, ed in particolare del legno.

La rivalutazione del legno trova ampio spazio grazie alle affermate tendenze di rivalutazione dell’estetica “grezza” e vissuta di questo materiale, che ritorna spesso anche in chiave più attuale.

Quando parliamo del materiale legno, ci riferiamo in realtà a un tipo di supporto che comprende un gran numero di varietà. La prima importante distinzione da effettuare è sicuramente quella che esiste tra legni naturali e legni artificiali.

I legni naturali presentano, tra loro, caratteristiche molto diverse: ogni varietà è dotata di connotazioni uniche. Esistono ed esempio legni porosi,leggeri  e dai toni chiari oppure, al contrario, legni pesanti, scuri e compatti, con venature pronunciate e irregolarità nella struttura. Si può effettuare una netta distinzione tra legni teneri (come pino, balsa e abete), legni  semiduri ( come il faggio, il ciliegio o il noce) e legni duri (frassino, mogano, ebano, palissandro). Ognuno di questi sopperisce ad esigenze di realizzazione diverse a seconda delle loro caratteristiche strutturali.

Il merito della straordinaria resistenza dei tavoli in legno va anche ai trattamenti ai quali il legno viene sottoposto, che gli consentono di mantenere il legno a vista (come nel caso dei tavoli in legno grezzo o in legno massello) impedendo il deterioramento delle fibre.

I legni artificiali presentano caratteristiche nella struttura e nella resistenza considerevoli, che sostituiscono egregiamente i legni naturali. Spesso sono anche recuperati da pezzi di scarto che altrimenti finirebbero in discarica. Le tipologie più conosciute di legni artificiali sono il compensato, il laminare, il truciolato e l’mdf.

Consigli su come scegliere il  tavolo in legno

Il legno viene quindi ampiamente utilizzato come supporto materiale per  suppellettili dal design ultramoderno. Ciò avviene sia per la sua versione più “naturale”, come ad esempio per  il pregiato legno massello o comunque per legni grezzi (al loro stato più naturale), oppure per il legno invecchiato, spesso recuperato da altri suppellettili o comunque da altri oggetti, molto in voga proprio per il suo essere “vissuto”.

È importante conoscere quindi la resa del materiale per poter scegliere un tavolo che sia a misura delle proprie necessità.

È inoltre importante sapersi orientare tra le diverse tipologie di legno per valutare quale faccia al proprio caso, non solo per quanto riguarda le diverse caratteristiche e le proprietà specifiche del tipo di legno, ma anche per orientarsi al meglio con gli abbinamenti e gli accostamenti da effettuare con il resto del mobilio. Come già accennato, il tavolo ha grande peso nel complesso dell’arredamento domestico e costituisce il fulcro gli ambienti living.

Una tendenza molto diffusa che si può osservare in ogni rivista di interior design è l’accostamento di un arredamento minimal, quindi molto lineare e sobrio, a magari un tavolo in legno massello oppure addirittura grezzo, quindi con venature, irregolarità e colori tipici del legno naturale, in piacevole contrasto con la rigorosità delle linee moderne.

La caratteristica dei suppellettili realizzati in questo materiale è proprio quella della reversibilità. I tavoli in legno si adattano facilmente a tutti gli stili d’arredamento. Sono perfetti sia per chi predilige lo stile classico, sia per chi preferisce le influenze moderne ma non intende rinunciare al fascino di questo materiale.

Anche il legno laccato è estremamente di tendenza,  ed ha il grande pregio di poter essere abbinato proprio in base al colore della laccatura, rendendolo ancora più reversibile ed adatto ad ambienti che richiedono abbinamenti anche più sofisticati.

Analizziamo ora qualche proposta che spicca fra  la vastissima produzione di tavoli in legno.

Una soluzione interessante per quanto riguarda questo tipo di materiale è quella di Tonin Casa, che presenta il tavolo Butterfly. Si tratta di un tavolo con piano in legno (disponibile anche in altri materiali) e con le basi d’appoggio realizzate in legno multistrato termo curvato e rivestito in noce o rovere scuro. Le curve sono realizzate in una forma ellittica molto audace, che per l’appunto, come suggerisce il nome, ricorda le ali di una farfalla.

Un’altra soluzione in stile moderno per chi ama invece le forme più lineari potrebbe essere il tavolo Porta Venezia di Infiniti. È dotato di un design attuale, dalle linee sobrie e versatili, che è adatto sia ad essere posto in cucina sia nella zona living.

Il telaio è in legno massello, mentre il ripiano è in solido mdf. È accostabile a qualsiasi stile abbia il resto del mobilio, dato il suo stile elegante e semplice .

Il legno, per concludere, resta comunque uno dei supporti che rimangono intramontabili nella realizzazione di questo tipo di suppellettili. Il fascino di questo materiale trascende sia il tempo che qualsiasi tendenza del momento, grazie alla sua straordinaria presenza estetica, al suo pregio e alla raffinatezza che sa trasmettere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *