abbinare-tavoli-sedie

Tavoli e sedie: come abbinarli

In che modo abbinare il tavolo alle sedie? Ci si trova davanti a questo delicato quesito nel momento in cui ci si trova a dover scegliere come accostare questi due elementi d’arredo.

In realtà non esistono regole specifiche che indirizzino in modo rigido sulle scelte da prendere, tuttavia ci si può appellare a dei semplici consigli, ma a questi si può accompagnare anche la propria fantasia e i propri gusti in fatto di estetica.

Fino a qualche decennio fa, tavoli e sedie venivano proposti al pubblico in un unico set, prodotto nel medesimo stile e colore. Non vi era  alcun bisogno di scegliere tra diversi abbinamenti, poiché questi complementi d’arredo non venivano quasi mai venduti separatamente e quindi non bisognava preoccuparsi in quanto non si rischiava di accostarli in modo sbagliato.

Se da un lato questo poteva costituire un pregio,  poiché consentiva di andare sul sicuro senza pensare troppo alle scelta da fare, d’altra parte rendeva piatto  ed anonimo l’aspetto dell’ambiente. La scelta dei mobili era prevedibile e pressoché “forzata”, il che rendeva gli ambienti statici e con poca personalità.

Le tendenze moderne invece vedono primeggiare gli accostamenti creativi, in cui forme classiche e moderne possono fondersi insieme a formare un ambiente dalle caratteristiche uniche.

La scelta delle sedie, del tavolo e del loro reciproco abbinamento necessita oggi di qualche attenzione in più rispetto al passato.

Si tratta di piccoli accorgimenti nelle scelte estetiche che però fanno una grande differenza, soprattutto quando poi le si vede amalgamarsi al resto dell’ambiente, creando un impatto visivo di grande effetto.

Abbinamenti tra materiali e colori

Una prima semplice regola, utile soprattutto per coloro che vogliono creare un certo rigore nello stile dell’ambiente living o della cucina, è quella di abbinare il materiale di cui è fatto il sostegno del tavolo a quello delle sedie.

Se ad esempio un tavolo ha una struttura di metallo, abbinare ad esso delle sedie dalla struttura che ricorda lo stesso metallo rende questo abbinamento davvero armonico. Allo stesso modo, se il tavolo ha le gambe in legno, il materiale delle sedie potrà richiamare le stesse tonalità di quest’ultimo, così per i tavoli bianchi e così via.

Abbinare i materiali strutturali dei tavoli alle sedie non è da considerare come una scelta limitativa. È comunque possibile giocare con lo stile. Un’idea per rendere l’ambiente innovativo  sarebbe, ad esempio, abbinare ad un tavolo molto lineare delle sedie dalla forma inusuale o con la seduta colorata. Esempi simili a questo sono molto diffusi e si possono ammirare su qualsiasi rivista di interior design.

In questo campo non esiste tuttavia di una regola fissa, infatti ognuno può abbinare colori e stili in modo creativo seguendo il proprio gusto. Si possono abbinare sedie in plastica di colori differenti ad un tavolo in metallo, creando un effetto di contrasto cromatico che sdrammatizza la serietà del tavolo, oppure, laddove il tavolo sia realizzato in materiale colorato, aggiungere sedie di colori complementari, stando bene attenti che non stridano tra loro.

Abbinamenti strutturali

Oltre alle scelte riguardanti modelli e stili, bisogna tener ben presenti anche le caratteristiche strutturali del tavolo e delle sedie che si andranno ad abbinare.

Scegliendo delle sedie che stilisticamente si adattano ad un tavolo ma che non sono adatte strutturalmente ad esso per grandezza o larghezza, si andrebbe a sminuire la bellezza di entrambi gli elementi d’arredo.

Vediamo qualche semplice direttiva da seguire nella scelta strutturale delle sedie che andremo ad abbinare al tavolo da pranzo o da cucina.

Deve innanzitutto esserci una proporzione adeguata tra l’altezza del tavolo e quella della seduta delle sedie. Tra loro deve esserci una differenza di almeno 30 cm per rendere agevole il gesto di sedersi. Una sedia dalla seduta troppo alta rispetto all’altezza del tavolo ne renderebbe infatti scomodo l’accesso.

Un’altra variabile da considerare è la larghezza delle sedie. Le sedie devono poter esser poste sotto il tavolo senza occupare eccessivo spazio.

Che il tavolo sia rotondo, rettangolare o quadrato, bisogna abbinarvi delle sedie che non si  tocchino  lateralmente tra loro, poiché ciò significherebbe eccessivo ingombro anche nel caso si volesse aggiungere qualche posto in più a tavola.

Anche le altezze dello schienale e dei braccioli devono essere proporzionate alle grandezze del tavolo. I  braccioli, cioè, devono potersi inserire agevolmente al di sotto del piano: se così non fosse, creerebbero dell’ingombro inutile in quanto le sedie non potrebbero essere posizionate agevolmente sotto di esso.

Lo schienale, dal canto suo, dovrebbe armonizzarsi con lo stile del tavolo e della stanza, ma tendenzialmente la scelta della sua altezza dipende dai gusti personali e dall’effetto che si vuole ottenere abbinandolo a tavoli di fogge e materiali diversi.

Riportiamo qui un particolare esempio di accostamento sia cromatico che strutturale tra tavoli e sedie:

Il marchio Bontempi propone il tavolo Versus, con gambe in legno e struttura in acciaio, i cui colori sono sempre abbinati: ad esempio, il piano in cristallo laccato grigio che si associa perfettamente  alla struttura delle gambe in legno di olmo.

A questo si possono accostare sedie che ne  ricordano la struttura  e, volendo, i colori: le poltroncine Margot, sempre firmate Bontempi, sono perfette per realizzare con esso un abbinamento che non voglia discostarsi troppo dalle linee del tavolo. Sono realizzate anch’esse con la struttura in legno di olmo, a cui è possibile accostare diversi tipi di imbottiture, tra le quali è disponibile anche la colorazione in grigio antracite, perfetta per l’abbinamento con il piano del tavolo.

Consideriamo ora un’altra proposta, un po’ più audace, che si discosta dai tradizionali abbinamenti tra tavoli e sedie.  Si tratta di due articoli firmati Tonin Casa: il tavolo Bexley abbinato alle sedie Vivienne.

I tavolo Bexley è un modello molto particolare, in quanto la struttura delle gambe è stata realizzata tramite la stilizzazione delle gambe di un tavolo tradizionale. Possiede  quindi le linee curve e la forma che tipiche dei  suppellettili antichi, ma il tutto è rivisitato in chiave moderna.

Il materiale di cui sono composte le gambe si discosta nettamente dai tradizionali materiali di realizzazione dei tavoli. Si tratta infatti di agglomerato di marmo, ed è disponibile in colore nero, bianco o champagne. Il piano è rettangolare ed anch’esso riprende le forme curve tipiche dei tavoli antichi, ma è realizzato in vetro temperato ed è possibile coordinarlo cromaticamente al colore delle gambe.

A questo tavolo è possibile abbinare delle sedie che richiamino anch’esse lo stile antico nelle forme.

Tonin propone in questo caso l’abbinamento con le sedie Vivienne: eleganti e raffinate,  richiamano nelle forme le poltrone di un tempo. Lo schienale è infatti molto alto ed è di forma ellittica. La struttura  è invece realizzata in metallo cromato èd è perfetta per essere abbinata con il tavolo Bexley.

Questo particolare modello di sedia è disponibile in diversi colori vivaci, tra cui melanzana, blu, turchese e giallo, e permette di giocare con i colori e gli abbinamenti, creando uno straordinario effetto di contrasto.

Si tratta di un accostamento consigliato a chi non ama gli abbinamenti ordinari, per chi cioè vuole creare un ambiente dotato di grande personalità e per questo inimitabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *